Diffusori amplificati: guida alla scelta

Altoparlanti amplificati

Le casse acustiche come i diffusori amplificati (o speaker/altoparlanti) sono responsabili della qualità audio finale, un elemento molto importante se ti piace ascoltare musica ogni giorno o avere esperienze filmiche sonore esaltanti.

Se non hai mai scelto diffusori amplificati, l’orientamento può rivelarsi assai difficile, e dal momento che non è possibile ascoltare direttamente gli apparecchi disponibili, occorre prima di tutto conoscere le caratteristiche dei diffusori e le differenti tipologie di casse che troviamo in commercio.

Casse da pavimento, da scaffale e diffusori a incasso

In base alla dimensione ad esempio, è possibile distinguere tra modelli da pavimento, da scaffale e a incasso.

Diffusore a incasso da interno Trevi 9230 S

Diffusore a incasso da interno Trevi 9230 S

Il diffusore da pavimento è molto ingombrante, ma se la stanza in cui andrà posizionato è grande, non ci sarà alcun problema. Il fatto che sia più grande possiede un vantaggio: essendo più grande, un diffusore a pavimento può contenere un numero maggiore di altoparlanti, rispetto a un modello a scaffale o a incasso.

Il diffusore a scaffale ha dimensioni molto più ridotte, ma non può competere con il diffusore da pavimento per quanto concerne la resa dei bassi, dato che è provvisto solitamente di sole due casse di dimensioni ridotte. Questo non vuol dire che la resa sonora sarà scadente, anzi se le casse sono di qualità è possibile ottenere una precisione sonora senza uguali.

Il diffusore a incasso da interno è il meno ingombrante di tutti ed è utile perché si può montare su pareti e controsoffitti.

Casse attive vs casse passive

Le casse attive hanno la caratteristica di avere un amplificatore incorporato, e grazie a questa peculiarità è sufficiente collegare le casse amplificate alla presa di corrente elettrica e di conseguenza a una specifica sorgente di musica (come uno stereo, un lettore cd o mp3) e il gioco è fatto. Non occorre fare altro per ascoltare la musica, o riprodurre al meglio l’audio di ciò che si desidera ascoltare.

Il funzionamento delle casse passive invece, è totalmente diverso da quello delle casse attive.
Quando si parla di casse passive si intende un sistema di casse sprovvisto di amplificazione interna, quindi per riprodurre i suoni hanno bisogno di essere collegate a un apposito amplificatore di potenza e di audio.

In questo caso non occorre un’alimentazione a corrente, dal momento che basta solo la connessione al segnale con i cavi rosso e nero. In linea di massima possiamo dire che la qualità audio di un diffusore attivo è nettamente superiore rispetto a quella di un diffusore passivo. Il segnale risulta più definito e i dettagli riprodotti in modo assai più curato, il suono è fermo, preciso, e l’immagine sonora che si percepisce è netta.

Per quanto riguarda i prezzi, le casse attive possono costare meno in proporzione, nonostante possiedano già l’amplificatore al loro interno. Infatti, le casse passive, dal momento che necessitano dell’amplificatore, possono finire per costare di più (ma non è certo sempre così).

Caratteristiche tecniche

Altoparlanti Universali HTS 9410 - 2 vie 100W

Altoparlanti Universali HTS 9410 – 2 vie 100W

Durante la scelta del migliore altoparlante amplificato devi analizzare le caratteristiche principali che un dispositivo del genere dovrebbe avere:

  1. Risposta in frequenza: la gamma di frequenze che un diffusore è in grado di riprodurre. L’orecchio umano riesce a percepire frequenze già dai 20 Hz fino a i 20.000 Hz e recentemente sono stati prodotti dei diffusori in grado di superare tale limite.
  2. Sensibilità: indica la pressione acustica restituita a fronte del livello del segnale elettrico fornito.
  3. Impedenza o efficienza: è l’opposizione al passaggio della corrente e si misura in Ohm. Non ha conseguenze dirette sulla qualità del suono, ma è importante quando si tratta di accoppiare un diffusore con un amplificatore. Ricorda che un valore di impedenza basso equivale a una maggiore quantità di energia richiesta che l’amplificatore deve riuscire a soddisfare. Quindi un valore basso di impedenza richiede un maggior consumo di energia elettrica.
  4. Potenza: si intende la potenza massima tollerabile, dal momento che un diffusore, essendo un dispositivo passivo, non possiede una potenza propria. Solitamente è consigliabile acquistare un diffusore dotato di una potenza massima tollerabile superiore rispetto alla massima potenza erogabile dall’amplificatore che già si possiede, tenendo comunque in considerazione impedenza, sensibilità e risposta di frequenze.

Altoparlanti Amplificati TREVI AVX 590 BT

Altoparlanti Amplificati TREVI AVX 590 BT

Grazie agli altoparlanti AVX 590 BT con mobile in legno puoi ascoltare la tua musica preferita da qualsiasi dispositivo. Infatti, oltre al collegamento bluetooth, sono datati di ingresso USB, due ingressi Aux con jack da 3,5 mm, un ingresso digitale coassiale e una presa digitale ottica.

CARATTERISTICHE TECNICHE

— 2 Vie Bass Reflex ad alta potenza
— Mobile in legno
— Riproduzione senza fili con sistema Bluetooth®
— Controllo rotativo Volume / cambio funzioni
— Ingresso diretto USB
— 2 ingressi AUX-IN Ø 3.5mm stereo
— Ingresso digitale coassiale
— Ingresso digitale ottico
— Indicatore della funzione a LED multicolor
— Risposta in frequenza 50Hz-20KHz
— Potenza Totale 120W
— Profili Bluetooth®: V3.0
— Alimentazione: 230V~50Hz
— Dimensioni altoparlanti: 162 x 272 x 240 mm
— Peso: 3 Kg (Master) -2.9 Kg (Satellite)

Speaker karaoke

Ad ogni modo, la scelta dipende sempre da quale impiego delle casse acustiche intendi fare. Perché per esempio esistono anche gli altoparlanti karaoke per serate di spasso in compagnia 🙂

Linea altoparlanti Xfest Trevi


Fai un salto a scoprire i nostri diffusori amplificati!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>