Storia dell’orologio a muro: dal pendolo al digitale

Storia dell'orologio a muro

La misurazione del tempo nell’antichità

Meridiana

Sin dai tempi antichi l’uomo ha sentito la necessità di misurare il tempo.

La prima tipologia di orologio che venne ideata fu la meridiana: tramite quest’ultima, grazie a un sistema di ombre, era possibile determinare in che fascia della giornata ci si trovava.

Successivamente si passò alla clessidra che, a sua volta, trovò la sua evoluzione nell’orologio ad acqua, o idrocronometro.

Intorno al 1200 d.C. furono inventati i primi veri orologi meccanici, che iniziarono ad essere installati anche su numerose torri.

In questo post mi concentrerò in particolare sulla storia dell’orologio a muro.

Storia dell’orologio a muro: il pendolo

Orologio a pendolo antico

Nel 1656 lo scienziato olandese Christiaan Huygens ottenne il brevetto per l’orologio a pendolo, noto per la sua grande eleganza e, soprattutto, per la sua grande precisione nella misurazione del tempo.

Il pendolo, precursore dei primi orologi a muro, era fatto di legno o metallo e funzionava grazie a un moto alternato.

Per ovviare al fatto che non potesse essere usato in movimento, lo stesso Huygens perfezionò il meccanismo dell’orologio a pendolo inventando un sistema a bilanciere, costituito da un volano rotante, vincolato a una molla a torsione.

Nel momento in cui fece il suo ingresso nelle case, l’orologio a pendolo divenne anche un oggetto di design, da valorizzare nell’ambiente domestico in quanto elemento cardine di un arredamento chic, per famiglie agiate.

L’orologio a muro entra nelle case

Dalla metà del 1700 in avanti insieme all’orologio a pendolo fece la sua comparsa anche l’orologio a muro. A differenza di quello a pendolo funzionava con un meccanismo analogico ed era caratterizzato da dimensioni più compatte, che permettevano una più comoda facilità d’impiego.

I primi orologi a parete erano caratterizzati dal fatto di avere una sola lancetta, quella delle ore, alla quale si aggiunse la lancetta dei minuti con la scoperta delle minuterie (ingranaggi che fanno girare le lancette).

Anche l’orologio a parete, come quello a pendolo, venne da subito utilizzato anche come un elemento d’arredo, oltre che come mezzo per essere a conoscenza dell’orario.

Tra gli orologi a parete, il più particolare è senza dubbio quello “a cucù”. L’orologio a cucù è un orologio a parete realizzato in legno finemente intagliato e caratterizzato dall’uscita di uno o più uccellini, o personaggi iconici, allo scoccare delle ore.

L’orologio a muro digitale

OROLOGIO DIGITALE DA PARETE RADIOCONTROLLATO TREVI OM 3528 D BIANCO

Con l’epoca moderna anche l’orologio analogico venne sorpassato ed ecco che fece la sua comparsa l’orologio digitale.

Con l’avvento del digitale sparirono le lancette dai quadranti degli orologi per far spazio a un orario indicato in numeri.

Solitamente, sullo schermo c’erano due spazi numerici per le ore, due punti di separazione e due spazi numerici per i minuti.

In alcuni modelli di orologio digitale erano previsti anche i secondi e i millesimi di secondo.

Il digitale fece la sua comparsa sia sugli orologi da parete sia su quelli da polso, apportando un enorme cambiamento anche in termini di design.

Con il digitale si iniziò, infatti, a differenziare anche le varie tipologie di orologio da appendere nelle varie stanze della casa.

L’orologio a muro: la sua duttilità

OROLOGIO DA PARETE 24 CM TREVI OM 3301 ROSSO

Le tipologie di orologi da parete odierna è pressoché infinita, spaziando dagli orologi da parete vintage fino a quelli moderni digitali.


Hai bisogno di consigli per l’acquisto? Leggi Orologi da parete: guida all’acquisto


Oltre alle forme gli orologi a muro ormai si differenziano anche a seconda delle stanze in cui devono essere posizionati.

Per le cucine per esempio puoi trovare degli orologi con forme che richiamano gli alimenti o l’attrezzatura da cucina, o, ancora, orologi aventi delle posate come lancette.

Nei salotti solitamente sarebbe meglio collocare un orologio che si intoni con l’arredamento della stanza e che, quindi, la completi donandole un tocco ulteriore di stile.

Per la camera da letto, infine, ti diranno che sono da preferire orologi di dimensioni più ridotte e dai colori tenui, così da armonizzarsi con l’ambiente circostante.

A te l’ardua sentenza!


Scopri tutte le tipologie di orologi a muro Trevi!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>