Come proteggere i tuoi occhi davanti al PC

Quante ore passi passi a fissare lo schermo di un computer, di un tablet o di uno smartphone?

Quante pause ti concedi?

Se anche tu lavori davanti a un PC avrai avvertito nel tempo arrossamenti o secchezza agli occhi, perché questi sono particolarmente sensibili alla luce artificiale.

Vediamo dunque alcuni consigli su come proteggere gli occhi quando sei davanti a uno schermo per non ritrovarti, al termine della giornata, a doverti confrontare con fastidi crescenti, fino all’emicrania.

Ragazza con dolore agli occhi davanti al Mac

Proteggi i tuoi occhi: 5 consigli da seguire

Fortunatamente, non sono pochi i metodi efficaci in caso di esposizione prolungata allo schermo del computer. Prima di sederti davanti al PC verifica:

  1. Il corretto posizionamento dello schermo
  2. La regolazione ottimale di luminosità, contrasto e temperatura del colore
  3. La pulizia dello schermo dalla polvere
  4. La programmazione di pause durante la giornata
  5. Il posizionamento ottimale di eventuali documenti cartacei da utilizzare

1. Posizionamento dello schermo

Per evitare ai tuoi occhi di affaticarsi eccessivamente davanti allo schermo del PC e, al contempo, mantenere una corretta postura, cerca di posizionare lo schermo stesso con criterio. Dovrà trovarsi a 15/20° sotto il livello degli occhi, e a una distanza compresa tra i 50 e i 70 cm.

2. Luminosità, contrasto e temperatura del colore

Anche regolando con attenzione le impostazioni dello schermo, in particolare la luminosità, il contrasto e la temperatura del colore, otterrai benefici evidenti. In linea generica, lo schermo dovrà presentare una luminosità il più possibile omogenea con l’ambiente circostante. È la luce blu ad affaticare gli occhi: potrai diminuirla riducendo la temperature del colore a favore di una luce arancione (o rossa).

3. Pulizia dello schermo

Non trascurare la pulizia del tuo display: quando quest’ultimo presenta uno strato di polvere ai tuoi occhi è richiesto uno sforzo ulteriore per mettere a fuoco le cose.

4. Programma le pause

Anche sei concentrato sul tuo lavoro, ricordati di concederti una piccola pausa ogni 30 minuti. Se il tempo a disposizione non ti consente di effettuare una veloce passeggiata, semplicemente prova a fissare un punto della stanza lontano dal PC per una ventina di secondi: così facendo gli occhi si focalizzeranno su altro, ritrovando una maggiore concentrazione in seguito.

5. Dove mettere i documenti da consultare

Altrettanto importante è la disposizione dei documenti cartacei da te consultati mentre scrivi al PC. In questo caso, assicurati di porli al di sopra della tastiera, ma in una posizione più bassa rispetto a quella dello schermo. Questo ti permetterà di limitare i continui movimenti di occhi e collo.

Applicazioni gratuite riposa occhi per Windows e Mac

Se stai cercando un modo per proteggere i tuoi occhi davanti al computer, tieni presente che sono stati sviluppati dei programmi appositi.

Workrave, ad esempio, è un software open source completamente in italiano per computer Windows, attraverso il quale avrai modo di impostare 3 tipologie di avvisi. Rispettivamente, si tratta di micro-pause (della durata di pochi secondi), riposi (circa 10 minuti ogni ora) e un limite massimo giornaliero. Peccato che il progetto sia stato abbandonato.

Altro programma interessante per Windows è RedshiftGUI che cambia il colore di temperatura del tuo monitor per adattarlo alla luce esterna.

Il concetto è molto simile a quello applicato da f.lux (disponibile per Windows, macOS e Linux) progettato per ridurre l’affaticamento degli occhi durante l’uso notturno del computer e per non alterare il proprio ritmo circadiano. In teoria l’applicazione migliora l’efficacia del sonno poiché diminuisce la luce bianco-blu emessa dal dispositivo. Personalmente l’ho provato e non ho riscontrato particolari benefici.
Posso dirti qualche contro:

  1. non usarlo se sei un grafico web, i colori dello schermo si sfalsano;
  2. occhio ai virus: il programma in passato è stato fonte d’infezioni.

Ecco una lista di software per la salute degli occhi per il Mac tutta da sperimentare. Fammi sapere se ne hai provato qualcuno;-)

Evita il riflesso sullo schermo

Sia per gli schermi del PC sia per tablet e smartphone, la luce riflessa rappresenta un elemento di disturbo che contribuisce ad affaticare la vista, con consequenti fenomeni di emicrania e nausea. Per far fronte a questo problema, ancora più evidente quando la stanza in cui lavori è illuminata in modo eccessivo, potrai adottare una delle seguenti soluzioni:

  • Acquista delle pellicole anti-riflettenti opache
  • Posiziona lo schermo lontano da finestre o da fonti di luce diretta
  • Metti delle tende alle finestre per ombreggiare la stanza
  • Sostituisci le fonti di luce eccessivamente “forti” attraverso lampadine più calde.

Il futuro dei nostri occhi

Uno studio effettuato da un gruppo di studiosi di Taiwan e condotto su 11.000 studenti ha messo in evidenza come la miopia e l’ipometropia siano fenomeni in continua crescita, tanto che l’80% del campione ne è risultato affetto.

Gli stessi studiosi hanno confermato che schermi di computer, TV e dispositivi portatili sono una delle cause principali di tali fenomeni.

In media, infatti, gli occhi si trovano davanti a uno schermo retroilluminato per 6-7 ore, mentre l’esposizione alla luce naturale e la frequentazione di ambienti aperti è estremamente ridotta.


E tu? Stai assicurando ai tuoi occhi un futuro in salute? Per suggerimenti o consigli scrivimi sotto! Al prossimo mercoledì 😉


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>