Storia del boomboox, stereo portatile anni ’80

Storia del boombox

Il boombox è uno stereo portatile anni ’80 dotato di due altoparlanti e di un manico che permette di portarlo in giro.

Noto anche con i nomi di Brixtone briefcase, ghetto blaster, boomblaster, jambox o radiocassetta, è in grado di ricevere le stazioni radio e di riprodurre la musica registrata, su cassetta o su CD.

Origini del boombox

Il boombox è stato proposto sul mercato americano intorno alla metà degli anni Settanta: la sua invenzione si deve a Phillips, colui che aveva già ideato la cassetta e il primo stereo portatile, che aveva visto la luce nel 1969.

L’innovazione apportata da Philips era che, per la prima volta, quel che veniva trasmesso dalla radio poteva essere registrato su cassetta senza bisogno di cavi o di microfoni.

Nei primi tempi la qualità del suono delle registrazioni non era delle migliori, ma con il passare degli anni è aumentata, grazie anche alla riduzione dei rumori.

Ben presto il boombox venne prodotto in Giappone, acquisendo una notevole popolarità per le sue dimensioni compatte, con i marchi nipponici che conquistarono una larga parte del mercato europeo.

Bomboox, un fenomeno intramontabile

Oggi, lo stereo portatile con altoparlanti integrati è un simbolo, per quanto la crescita dei walkman negli anni Novanta abbia limitato la sua diffusione.

Certo è che anche nel nuovo millennio questo dispositivo si rivela utile e comodo: e se un tempo è stato tra i fautori del boom dell’hip hop, sia sul fronte musicale, sia dal punto di vista della moda (basti pensare ai pantaloni baggy o ai cappellini New Era abbinati nell’immaginario collettivo a chi ricorreva a un Ghetto blaster), oggi alcuni modelli come il boombox Shartp GF-777 sono ancora apprezzati tra gli appassionati.

Insomma, il boombox ha contribuito a definire un certo tipo di cultura connessa con la società urbana, soprattutto negli Stati Uniti, in riferimento agli ispanici e agli afro-americani, ma anche in Europa e in Italia ha saputo ritagliarsi un suo spazio.

Boombox Trevi

Anche oggi il boombox mantiene intatto il suo fascino vintage, come dimostrano le nostre proposte:

Radio Registratore a cassette con Bluetooth Trevi RR 501 BT

RADIO REGISTRATORE A CASSETTE CON BLUETOOTH TREVI RR 501 BT ROSSO
Il radio registratore RR 501 BT ha la forma del classico boombox anni Ottanta, lungo e rettangolare con maniglia di trasporto e altoparlanti rotondi sui due lati.

In dotazione include una radio a 4 bande con ricezione tramite antenna allungabile.

Inoltre è fornito di ingresso USB/SD con il quale puoi ascoltare la tua musica in formato Mp3.
Troverai inclusa la connessione Bluetooth per poterti collegare ad altri dispositivi come pc, tablet e smartphone.

Radio Registratore a cassette con Bluetooth Trevi RR 504 BT

Sia riproduttore che registratore di cassette, il radio registratore RR 504 BT ha la funzione Autostop e il livello di registrazione automatico.

Grazie alla funzione Encoding potrai registrare direttamente da Bluetooth e cassette in formato MP3 su supporti USB come chiavette e hard disk compatibili.


Acquistalo ora su Amazon!


Un commento su “Storia del boomboox, stereo portatile anni ’80

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>